LA PERGOLA TRA IERI E OGGI

LA PERGOLA TRA IERI ED OGGI

La pergola o pergolato è sempre stato protagonista dei giardini fin dall’antichità in quanto giunzione tra architettura e vegetazione rappresentando l’incontro tra la rigidità della geometria dei supporti e la delicatezza della vegetazione che li avvolge.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola1_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

Con il termine pergola, in antichità, si indicava un palco costituito da assi e travicelli. Veniva utilizzato dagli egizi e poi dai romani con l’obiettivo di creare ambienti refrigeranti, lontani dalla calura propria dei luoghi mediterranei. È qui infatti che il pergolato venne concepito e si diffuse maggiormente. Questa particolare forma di architettura, abbellita molto spesso da una ricca vegetazione, aveva il compito di arricchire i giardini domestici conferendo più valore.

Il pergolato trova impiego fin dal medioevo, poi nel rinascimento per trasformarsi nel XIX secolo, in una struttura più romantica. Questa poesia infatti ci porta anche oggi a ricercare questo tipo di coperture, sia per la loro indubbia utilità che per quell’atmosfera dal sapore romantico che regalano nelle possibilità delle loro ambientazioni sia estive che invernali.

CONSIGLI PER UNA BUONA SCELTA

Per valorizzare il vostro outdoor vi serviranno delle coperture che sappiano coglierne i tratti distintivi del vostro ambiente, legandosi ad esso per creare continuità.
I vantaggi sono molteplici, oltre ad ampliare gli spazi vivibili, circoscrivono una porzione di ambiente esterno che può essere sfruttato sia d’inverno che d’estate e in ogni stagione, più mesi all’anno, in cui proteggersi da sole, piaggia, neve o freddo.
Diventando zona confortevole ed arieggiata d’estate o stanza riscaldata completamente d’inverno.

CAPIAMO LE DIFFERENZE

Iniziamo con il dire che la differenza tra pergola con tenda retraibile e pergola bioclimatica, sta innanzitutto, nel diverso tipo di copertura, rispettivamente la prima con telo retrattile , l’altra con lamelle orientabili. La resa estetica e le caratteristiche tecniche sono diverse, per cui occorre considerare con attenzione il contesto in cui la si vuole inserire. Scegliere la tipologia di pergola da esterno è quindi fondamentale. Ecco le principali differenze e i vantaggi peculiari di ciascuna.

PERGOLE BIOCLIMATICHE

Le pergole bioclimatiche non hanno il telo di tessuto, ma una copertura costituita da lamelle orientabili in alluminio che le rende adatte a contesti soggetti a neve o intemperie. Il termine bioclimatica rimanda alla caratteristica di queste coperture per esterni, ideali per chi ama vivere l’outdoor in modo naturale, com’è della cultura Nord Europea.
A differenza del telo in tessuto, le lamelle in alluminio che possono essere sia orientabili che retraibili, permettono, per mezzo di un sistema brevettato, di orientare l’accesso alla luce e l’aria, regolando così la ventilazione e l’illuminazione dell’ambiente in base alle esigenze. Con le lamelle completamente chiuse, le pergole bioclimatiche riparano dalla pioggia, permettendo all’acqua di defluire tramite pluviali inseriti nei pali con fuoriuscita diretta nel terreno . Questa tipologia di copertura mobile, proposta in versione manuale o motorizzata, permette di sfruttare temperatura e luminosità dell’ambiente esterno per trarne il maggior beneficio e risparmio energetico: in estate protegge dalla calura tenendo le lamelle chiuse e in inverno invece aprendole lascia che il sole scaldi finestre e pareti della tua abitazione . Il tutto in una cornice di design lineare, con finiture curate ed alta tecnologia innovativa per fondersi armoniosamente con il ritmo delle stagioni.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola2_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola3_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

PERGOLA CON TENDA RETRAIBILE

Per Pergola con tenda retraibile si fa riferimento a una soluzione per l’outdoor che mette insieme le classiche tende da sole a bracci, con il telo avvolto attorno a un tubo d’acciaio o quelle a caduta o le romantiche cappottine , con la struttura di una pergola, dotata di pilastri. Si tratta di un modello di grande successo, apprezzato soprattutto per la versatilità e la capacità di integrarsi in modo armonioso in ogni contesto.
La principale caratteristica, nonché differenza con le pergole bioclimatiche, è quindi che la copertura sul modello pergola con tenda retraibile è di tessuto o PVC, ovvero si tratta di una pergola coperta da un telo ad impacchettamento. Telo che può essere composto da tessuto acrilico, in poliestere, robusto e particolarmente adatto per proteggere dai raggi UV in estate, o PVC, ignifugo ed estremamente flessibile ad alta tenacità, disponibili in vari colori e texture .
Esistono poi, tessuti tecnici e impermeabili, che garantiscono grandi performance in termini di resistenza agli agenti atmosferici.
Anche la base della pergola con tenda retrattile, costituita da una pergola, è disponibile sul mercato in molte diverse configurazioni dei pilastri: in alluminio, dalla grande robustezza e dalla resa estetica contemporanea, fino all’intramontabile legno, per chi ricerca un ambiente caldo e naturale. Questo tipo di pergolato può essere scelto autoportante o addossato a una parete già esistente, ma ci sono anche modelli leggeri ed essenziali che non necessitano di pilastri a terra.

La movimentazione può essere sia manuale che motorizzata, sfruttare la tua pergola con ogni condizione atmosferica, proteggerà dal sole che dalla pioggia con la possibilità di integrare chiusure laterali come tende a caduta, vetrate o paraventi. Disponibili diversi modelli dallo stile moderno, compatto e lineare in grado di fondere performance di alto livello a linee armoniose ed essenziali.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola4_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

L’atmosfera di una cena tra amici d’estate, il relax dei pomeriggi in primavera, le luci soffuse la sera, è anche questo che ci permette di vedere la nostra casa come un vero nido dove tornare .
Prendersi cura di spazi, persone e dettagli rende più piacevole viverci . Così la pergola diventa quell’elemento essenziale in uno spazio aperto per creare confort ed eleganza dando un tocco di classe pur offrendo utilità come la protezione dal sole, dalla pioggia e dal vento.

PERGOLE COPERTURA FISSA

Generalmente costruite su misura , le pergole fisse vengono addossate a parete o sono autoportanti, la struttura può essere in ferro, alluminio o legno , tutte materie prime di qualità e fatte per durare nel tempo; la copertura della struttura può essere in vetro, policarbonato o telo PVC a seconda dei tuoi desideri e possibilità. A completare la pergola solitamente si abbinano le tende da sole verticali avvolgibili o serramenti perimetrali

APPROFONDIMENTI STRUTTURALI

Le pergole bioclimatiche non solo proteggono, ma sono anche capaci di ricreare un microclima al loro interno maggiormente confortevole, cosa che risulta essere un vantaggio perché consente di sfruttare lo spazio per periodi più lunghi. A prescindere dalla scelta che si andrà ad effettuare, tutte le tipologie di pergole permettono di soddisfare al meglio quelle che sono le esigenze dei clienti ed in particolar modo di ricreare uno spazio protetto e ben climatizzato da sfruttare.

I MATERIALI

Una prima differenziazione può essere fatta rispetto alla tipologia di materiale. La struttura delle pergole bioclimatiche può essere realizzata in alluminio, ottenendo un prodotto di qualità esteticamente apprezzabile molto resistente e che soprattutto che non richiede alcun genere di manutenzione nel tempo.
In alternativa, si può anche scegliere un prodotto che viene realizzato in acciaio, ma comunque il riscontro sarà lo stesso. La principale differenza tra queste due tipologie, è soprattutto nel peso. Ovviamente, si possono scegliere altre tipologie di materiali per aumentare l’appeal dal punto di vista estetico come ad esempio il legno, ma in questo caso bisognerà fare i conti con esigenze per quanto riguarda la manutenzione nel tempo.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola5_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

DIFFERENZA TRA PERGOLE AUTOPORTANTI O A PARETE

Importante dal punto di vista concettuale, è il sistema con cui viene realizzata la pergola. Il riferimento è soprattutto alla struttura: in particolar modo si può prevedere una struttura autoportante con 4 pilastri che vengono installati nel terreno oppure su una pavimentazione. Questo genere di soluzione è adatta per poter essere installata nel bordo di una piscina o magari in un ambiente posizionato in un ampio giardino.
Se, invece, gli spazi sono più angusti ed in particolare si vuole ricreare una sorta di portico attaccato ad una parte della casa magari sul terrazzo, si può scegliere la pergola con due pilastri e quindi installata a parete. Dal punto di vista estetico cambia pochissimo, mentre c’è da sottolineare che i costi vengono leggermente abbassati in quanto non sono previsti due pilastri d’appoggio da fissare nel terreno. Tuttavia, le differenze in termini di costi sono veramente esigue.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola6_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola7_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

LAMELLE ORIENTABILI

Continuando nella panoramica delle varie tipologie di pergole bioclimatiche che possono essere acquistate e personalizzate secondo il proprio gusto, un’ulteriore differenziazione può essere prevista per quanto riguarda il sistema che regola l’accesso dei raggi solari. Solitamente le pergole bioclimatiche sono previste con una struttura realizzata in lamelle orientabili da movimentare opportunamente per regolare l’esposizione solare nella zona interna. Le lamelle vengono, nella stragrande maggioranza dei casi, realizzate in alluminio, permettono di ricreare l’ombra nell’ambiente attraverso un sistema di movimentazione che può essere previsto con manovella oppure automatizzate con un motore inserito all’interno dei tubi. La prima soluzione prevede dei costi più contenuti in quanto l’apertura e la chiusura deve essere eseguita a mano con un sistema che ricorda un po’ quello dell’apertura e della chiusura delle tende da sole da balcone.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola8_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

TENDE RETRAIBILI

L’altra soluzione è quella di non prevedere delle lamelle in alluminio per ricreare l’ombra, bensì una struttura ritraibile solitamente in PVC . Nel secondo caso si prevede l’installazione di un piccolo motore all’interno della sezione tubolare che, oltre ad essere funzionale, è azionabile a distanza con apposito telecomando presentando performance importanti anche per quanto concerne la rumorosità.
Questo genere di pergola, può essere realizzata sia con struttura autoportante che con l’installazione a parete dimezzando così i costi. Come detto, la tela è in PVC, è estremamente resistente all’azione degli agenti climatici e soprattutto è in grado di non consentire all’acqua di entrare. Inoltre, i costruttori per ricreare un ambiente ancora più interessante dal punto di vista estetico, hanno pensato di inserire all’interno, dei profili della tenda dei led per illuminare la zona durante le ore notturne.
Con questa tipologia di tenda, si può regolare l’ombra non in maniera alternata, bensì aprendo in parte oppure totalmente il soffitto. I costi anche in questo caso possono differire in maniera considerevole e la scelta oltre che essere di natura funzionale è anche estetica.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola9_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

CHIUSURE LATERALI

Le pergole possono essere previste sia con un semplice sistema di copertura per regolare l’accesso dei raggi ultravioletti, ed anche con una chiusura laterale che può essere realizzata con tende specifiche anche queste automatizzate perfettamente inserite a scomparsa, in tessuto microforato filtrante o oscurante ed anche in vetro per rendere maggiormente confortevole tutta la zona. Ovviamente, nella seconda tipologia, i costi aumenteranno , ma si avrà una sorta di stanza aggiuntiva nella quale la temperatura sarà più gradevole anche nei periodi più freddi dell’anno.
Tra l’altro, all’interno della pergola si potrà godere di una protezione laterale rispetto alle raffiche di vento il che permetterà di utilizzare l’ambiente per un pasto tra amici, per un momento di relax in una giornata uggiosa e molto altro.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola10_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola11_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

ACCESSORI

Gli accessori che si possono aggiungere alle pergole sono molteplici come nel caso dei sensori meteo che permettono alla pergola di gestirsi da sola, modulando la chiusura delle lamelle.
L’illuminazione importante per creare la giusta atmosfera nelle ore serali, le possibilità variano a seconda del prodotto scelto: privilegiata la scelta del led per la modularità nell’intensità dimmerabili , ed anche nel colore, oltre ad avere un bassissimo consumo energetico .

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola12_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)

Insomma possiamo considerare le pergole, la nuova frontiera dell’architettura bioclimatica outdoor, dal design essenziale e tecnologia evoluta per sfruttare tutto l’anno ambianti esterni sia privati che contract.

LA PERGOLA TRA IERI E OGGI pergola13_590_1.jpg (Art. corrente, Pag. 1, Foto normale)